Semplicemente Grazie!

“Quando un uomo rivolge tutta la volontà verso una data cosa, finisce sempre per raggiungerla.” (Herman Hesse)

La pandemia ci ha fermati per due anni, ma non ha fermato la nostra voglia di guardare al futuro! 
Giunti al termine di Peraga Medievale un sentito ringraziamento va a tutte le persone che hanno donato il loro tempo, la loro esperienza e le loro capacità per dare vita a questa Rievocazione.

A voi volontari che con la vostra presenza e dedizione rendete possibile tutto ciò!
Un GRAZIE a tutti voi che siete tornati a riempire il Castello Dei Da Peraga con gioia e voglia di stare insieme. GRAZIE per averci donato la giusta carica ed energia che ci ha fatto sentire nuovamente a casa. 

Nulla fermerà mai la storia…nulla fermerà mai la nostra voglia di raccontarla!

L’incendio del Castello

L’esercito veronese marcia contro Padova, guidato da Cangrande della Scala, e si lascia alle spalle un territorio devastato, tra macerie e distruzione: il popolo è stremato, l’esercito stanco, e la vittoria sembra sempre più lontana. Nulla sembra fermare l’avanzata nemica, e i pochi avamposti rimasti a difesa del territorio patavino stanno cedendo uno dopo l’altro.

Per non perdere la propria signoria, Iacopo da Carrara, signore di Padova, deve prendere una terribile decisione: per non lasciare ai nemici alcuna possibilità di rifornimento, dà l’ordine di bruciare le fortezze ritenute indifendibili.

Leggi tutto “L’incendio del Castello”

Inferno

Al calar delle tenebre, ecco il fuoco danzare a tempo di musica, incantando gli sguardi della gente. A domarlo, i coraggiosi artisti del gruppo Giullari et Focolieri di Petracha, che tra pericolose acrobazie e giochi d’abilità, raccontano una storia immortale.

In scena è riprodotta la prima cantica di Dante Alighieri, l’Inferno, regno dell’eterna dannazione. Qui risiedono le anime che in vita hanno peccato, punite e tormentate dalle creature infernali. Arduo sarà il cammino del Sommo Poeta attraverso i nove cerchi, ma non lo compirà da solo; al suo fianco c’è Virgilio, sua guida e maestro. Con il suo aiuto affronterà la terribile prova, fino all’incontro con Lucifero, dopo cui Dante potrà finalmente intraprendere l’ascesa verso il paradiso.

Tra arte e poesia, sogno e realtà, PeragaMedievale vi attende per il suo emozionante finale, con lo spettacolo di fuoco nelle notti di 

Venerdì 3 giugno e Domenica 5 giugno alle ore 22:00

Per le vie del borgo

La città è decorata a festa, e s’ode nell’aria il vociare di genti accorse da ogni dove!
Tutti si radunano per assistere al Corteo Storico, altro imperdibile appuntamento nella domenica di Peraga Medievale.

Nobiltà e clero, contadini e mercanti, armati e popolani attraversano festosi la via principale del paese, e tra loro spicca, maestoso nel suo abito rosso, il Cardinale Bonaventura Badoer da Peraga. Ad aprirgli la strada, il rullo dei tamburi e le evoluzioni delle bandiere, che con orgoglio innalzano al cielo il gonfalone con i colori della città.

Non si tratta solo di una solenne processione, ma è la rappresentazione di un passato glorioso che ha reso Peraga e i suoi abitanti testimoni di un’età che tanto buia, poi, non era.

Il corteo partirà dal sagrato della chiesa di Peraga alle ore 17.00 di domenica 5 giugno.

Alle armi!

A Peraga improvvisamente l’aria si riempie di suoni: una moltitudine di mercenari sta arrivando per accamparsi nei prati che circondano il castello. 

Tende, ripari, tavoli, panche e giacigli stanno per essere approntati per gli armati e per le famiglie che li seguono. E tutto questo fervore darà vita ad un grande accampamento sul quale garriranno al vento colorati vessilli, che riproducono le insegne dei vari capitani.

Gli uomini cureranno i loro armamenti, le donne svolgeranno le loro attività quotidiane, come sempre ma sapendo già che, prima o poi, sarà il momento dello scontro e la apparente quiete farà posto alla tempesta…

…Chissà quale sarà l’epilogo.