Corteo

L’intero paese è in festa! Tra stendardi e bandiere, il corteo storico è pronto a partire: nobili dame e messeri, clerici e contadini, armati e artisti, tutti scendono in strada e sfilano tra gli applausi della gente. In testa, i musici e gli sbandieratori, nei colori dei Da Peraga, annunciano il passaggio del Beato Bonaventura, nell’abito rosso dei cardinali. E’ in suo onore che tutto il borgo si anima di suoni e colori!

Non perdetevi la tradizionale sfilata di PeragaMedievale, domenica alle 17.00!

Il pane 

Il pane era il cibo base di ogni classe sociale del Medioevo, ma non sempre le condizioni climatiche permettevano un buon raccolto di cereali. La preghiera del Padre Nostro, che recita “dacci oggi il nostro pane quotidiano”, più che una valenza liturgica, era per molti una vera e propria formula scaccia-fame! 

Era spesso usato come “cucchiaio commestibile” con cui si raccoglieva il cibo dal pentolone comune, e accumunava poveri e ricchi, pur variando nei suoi ingredienti: se i nobili potevano permettersi pane di frumento bianco, il contado aveva invece pane nero, includendovi ogni possibile cereale, come avena, segale, farro, orzo, crusca, e, se necessario, anche legumi e castagne. In tempo di carestia, si impastava il pane anche con radici, cenere e corteccia triturata! Dove non poteva il gusto, di certo poteva la fame. In età comunale nacquero le corporazioni dei fornai, che liberarono la popolazione dal controllo dei forni esercitato dai feudatari e dalle curie episcopali. 

Nel Medioevo era molto comune un tipo di pane che, tolto dal forno, veniva immerso in acqua bollente per qualche minuto, e poi posto di nuovo ad asciugare in forno; conservandosi molto a lungo, lo tenevano i pellegrini nelle bisacce, e, all’occorrenza, bastava farlo rinvenire con poca acqua.

Offelleria

Se avete voglia di dolce, sostate all’Offelleria, la “pasticceria” del Medioevo! Qui troverete deliziose torte e biscotti provenienti dalla tradizionale medievale, che le nostre esperte offelliere saranno ben felici di farvi conoscere.

Torta de’ pomi, Torta riso e menta, Zonclada e Biancomangiare, sono solo alcune delle speciali ricette che potrete assaggiare. Un consiglio? Accompagnatele con un buon bicchiere di Ipocrassum, il vino speziato medievale!

Le origini della pasta

Fu nel Medioevo che la “pasta”, per come la intendiamo oggi, iniziò a comparire, grazie alla nuova consuetudine, portata avanti fino ai giorni nostri, di bollire la pasta nell’acqua, nel brodo e talvolta nel latte. Il procedimento di essicazione prevedeva che fosse esposta al sole per qualche tempo, poi posta in luoghi chiusi riscaldati da bracieri, garantendo così “di affrontare anche viaggi verso destinazioni lontane senza deteriorarsi”.

Grazie agli scambi commerciali via mare, promossi dalle città marinare italiane, l’uso della pasta essiccata raggiunse presto tutta la penisola. Qui il grano importato dalla Sicilia veniva lavorato sulle coste dove il clima mite e temperato costituiva garanzia di perfetta essiccazione del prodotto. In un documento del 1244, conservato presso l’archivio di stato di Genova, troviamo citato per la prima volta il termine “pasta”, che venne poi definita più genericamente con il termine di “maccheroni” (derivato da “maccari”, ossia schiacciare, l’azione fatta lavorando la pasta di semola di grano duro). In un documento del 1284, conservato all’Archivio di stato di Pisa, si dà notizia della vendita di “vermicelli”. 

I ricettari del tempo consigliavano inoltre di mangiare la pasta con un attrezzo di legno appuntito, indicazione che farebbe sospettare la precoce diffusione della forchetta in ambito italiano.

Le Taberne

Assaporate il Medioevo nelle nostre taberne! Buon cibo e buona compagnia in un’atmosfera unica, dove rivivono i suoni e i sapori del Medioevo!

Alla “Servitù de Passaggio”, buona birra e panini caldi farciti di luganega, porchetta, salse e verdure.

La “Cantinaccia delle Contrà” offre sfiziose polpette di carne e una varietà di crostini, buon vino e compagnia per un aperitivo all’ombra degli alberi!

Nella “Taberna dei pazzi” potrete sedervi e gustare primi piatti di bigoli, gnocchi e pasta, carni grigliate, polenta, contorni di stagione e buon vino, secondo la perfetta tradizione veneta. Al termine del pasto, passate per la “Sosta di Corte”, che vi attende con frutta fresca e dissetanti bevande digestive.

Per il dolce, l’”Offelleria” non vi lascerà delusi! Torta de Pomi, Biancomangiare, Zonclada, Riso e Menta sono solo alcune delle invitanti ricette direttamente dalla tradizione medievale del nostro territorio. Poi, per dissetare la gola, consigliamo un sorso di “Ipocrassum”, il vino dolce e speziato simbolo del Medioevo.

Per tutti i viandanti in cerca di ristoro, le Taberne di Peraga Medievale sono aperte tutti i giorni dalle 12.00!